Esplora la Città Riflessa

Shadespire un tempo era una città di meraviglie e magia, una metropoli mercantile che sorgeva sulla terribile terra del Regno della Morte. Innumerevoli razze popolavano le sue mura, e assieme creavano manufatti dalla bellezza e dalla potenza infinita. Il segreto più prezioso della città era il processo della lavorazione del vetro d’ombra, una sostanza miracolosa in grado di conservare eternamente l’essenza spirituale dei morti. In questo modo, i Katophranes al governo di Shadespire vivevano dopo la morte, la loro saggezza custodita nelle profondità di specchi decorati, guizzante in fontane di vetro, pietre cristalline e altre meraviglie. Tale affronto faceva adirare Nagash, Signore della Nonmorte, che desiderava punire gli abitanti della città per averlo privato del suo tributo in anime.

Tuttavia, distruggere la città e trascinarne i cittadini nell’Aldilà non era una vendetta sufficiente per Nagash. Il Sommo Necromante diede quindi inizio a un rituale alimentato dai misteriosi poteri delle costruzioni di vetro d’ombra della città che risucchiò la luce e la gloria di Shadespire e creò un riflesso distorto del suo splendore. Shadespire era intrappolata a metà strada tra Ulgu, il Regno delle Ombre, e Hysh, il Regno della Luce. Bloccate in questo oscuro bagliore, proiettate tra i due reami diametralmente opposti, le anime dei caduti non potevano lasciare la Città Riflessa e giungere nell’Aldilà. Nessuno tra quelle mura avrebbe goduto della liberazione della morte. Nagash avrebbe per sempre negato loro tale dono.

ShadespireBoxout

La Città Riflessa di Shadespire è un terribile piano di illusioni e follia, un labirinto mutevole fatto di lunghe scale, vicoli angusti e imponenti arcate. La città originale è stata prosciugata di tutti i colori e di ogni forma di vita, e per migliaia di anni ha riposato in rovina. Gli avventurieri tanto sfortunati, coraggiosi o stolti che vi mettono piede vengono attirati oltre il velo tra i reami e intrappolati nella Città Riflessa. Per queste anime sventurate ogni speranza è perduta. Tuttavia, alcuni non si arrendono a questo fato senza combattere.

Per più di mille anni le rovine ammantate di ombre di Shadespire hanno riposato, come una cicatrice malevola al centro del vasto Deserto delle Ossa. Per gran parte di quel tempo le vittime della sua terribile maledizione furono poche. I viaggiatori di rado si avventuravano nelle letali distese per raggiungere la città, spesso spaventati dalle micidiali tempeste che sferzavano le dune di polvere d’ossa e dalle inquietanti storie che riguardavano quelle lande. Tuttavia, alcuni soggetti abbastanza coraggiosi o stolti si spinsero fino ai confini della sventurata città, e coloro tanto fortunati da tornare portarono indietro inestimabili tesori e sapere proibito, oltre a racconti di specchi infestati, illusioni da incubo e altre stranezze.

Alcune di quelle intrappolate a Shadespire sono anime nobili, determinate a mettere fine alla maledizione e sfuggire al fato. Altri sono bruti selvaggi, per i quali un interminabile ciclo di violenza è una benedizione. Ci sono avvoltoi bramosi, barbari furiosi e saggi la cui sete di conoscenza li ha portati su un sentiero terribile. Questi spiriti disperati si scontrano nel tentativo di salvarsi dalla dannazione, tingendo del rosso del sangue le strade infestate di Shadespire.

ShadespireBoxout